Oltre le parole

Il mio mondo segreto

In un mondo tutto colorato, un giorno, giunse una creatura tutta d'argento.

Era una creatura piuttosto diversa dagli abitanti di quel pianeta: non comunicava come loro, non si comportava come loro. Era così diversa da essere quasi impenetrabile.

Nessuno sapeva come relazionarsi con lei, come accoglierla nel proprio mondo, per cui la creatura d'argento si era dovuta abituare a stare da sola.

Finché un esploratore colorato molto curioso e sensibile viene in contatto con lei ed intraprende un nuovo ed affascinante viaggio: il viaggio che da un incontro permette di esplorare il mondo dell'altro.

Grazie a questo contatto i due trovano un nuovo modo di comunicare e di instaurare un'amicizia un po' speciale.

Passo dopo passo, i due sviluppano linguaggi comuni e viene rivelato il meraviglioso mondo segreto della creatura d'argento. L'empatia è la chiave che apre il suo mondo interiore pieno di meraviglie nascoste.

 

Questo incontro inaspettato ci permetterà di scoprire il valore dell'ascolto, del silenzio e dell'attesa; qualità necessarie per comprendere l’altro, così da acquisire con maggior consapevolezza una sintonia e un potere comunicativo assolutamente straordinario.

Lo spettacolo è quindi un viaggio simbolico che affronta il tema della difficoltà di relazione con chi è diverso da noi.

Lo spettatore può dare diverse letture allo spettacolo ed identificare la creatura d'argento come una persona con disabilità, con disturbi autistici o comunque come persona che proviene da esperienze differenti o da una cultura diversa.

In scena una scenografia di metallo su due piani che si modifica seguendo l'evoluzione della storia.

Grande importanza hanno anche le luci e la musica nel creare l'atmosfera.

Le attrici utilizzano un linguaggio inventato e gran parte della comunicazione avviene attraverso il canto e la componente musicale.

di e con Elisa Pifferi e Marta Sacchi

 

regia Mauro Buttafava

 

musiche Mauro Buttafava e Marta Sacchi

 

costumi Jessica Maddalena

 

 

 

 

GUARDA IL VIDEO